I SOCIAL DEL MOVIMENTO CIVICO SANSEVERINESE

 

Da una settimana (con quattro mesi di ritardo e solo dopo la nostra denuncia) sono iniziati i lavori di sostituzione dei lampioni in Via Principe di Carignano e in Piazza Dante. Abbiamo notato che in Via Carignano i lampioni non sembrano proprio nuovi… A guardarli bene, sembrano proprio quelli usati e tolti dal tratto di Corso Diaz dove sono in corso i lavori di riqualificazione. Riutilizzare ciò che è ancora funzionante quando possibile e’ certamente utile. Per risparmiare e per applicare correttamente il principio dell’economia circolare. Ma ci chiediamo: il progetto e l’appalto originale che prevedeva l’impiego di lampioni nuovi e’ stato modificato e riapprovato? I lampioni già usati sono stati nuovamente collaudati e certificati prima di essere installati? Quanto risparmieremo rispetto ai 130.000 euro dell’appalto aggiudicato? Abbiamo presentato un’interrogazione e aspettiamo risposte.

PERSI I FINANZIAMENTI! INCAPACI E BUGIARDI! La Dis-amministrazione non si smentisce. Di fronte all’evidenza dei fatti, la miserabile giustificazione è sempre quella di attribuire ad altri le proprie responsabilità. I fatti sono semplici: 1. la Regione ha finanziato i Comuni per ristrutturare alloggi popolari già esistenti; 2. la Dis-amministrazione ha presentato una richiesta di finanziamento per costruire nuovi alloggi in una proprietà privata in Via Campo Sportivo; 3. il nostro Comune, grazie alla Dis-amministrazione dei “festini”, ha perso il finanziamento; 4. le famiglie assegnatarie continueranno a vivere in alloggi comunali precari e non sicuri come quelli di Via Macello. Il resto sono solo bugie infantili. L’area di Via Campo Sportivo fu scelta proprio dalla Dis-amministrazione in Consiglio Comunale nel 2019 e non certo dall’IACP. L’area non è mai stata idonea urbanisticamente e la Dis-amministrazione lo ha sempre saputo. L’intervento dell’IACP (oggi ACER) non si è mai realizzato anche questo motivo. Le altre aree idonee urbanisticamente per costruire nuovi alloggi sono quelle di proprietà comunale di Acigliano, Spiano e Ciorani, ma la Dis-amministrazione decise allora e insiste oggi per un’area privata! Perché? Nessuno ha mai risposto! In ogni caso, il bando regionale dello scorso mese di luglio non finanziava la costruzione di nuovi alloggi, ma la ristrutturazione di quelli già esistenti. Perché, quindi, non si è voluto presentare la richiesta nel modo giusto? Nessuno risponde!

Un altro fallimento della Dis-Amministrazione! La Regione Campania ha finanziato numerosi Comuni per gli interventi di riqualificazione degli alloggi popolari di proprietà pubblica. Nella nostra Città ci sono diversi comparti di alloggi popolari che hanno urgente necessità di interventi di manutenzione straordinaria a carico del Comune per ripristinare le condizioni e di sicurezza per le famiglie residenti. Abbiamo già segnalato la situazione di degrado e di pericolo delle palazzine di Via Macello. La Dis-Amministrazione avrebbe dovuto approfittare dei finanziamenti regionali per progettare e realizzare questi lavori di riqualificazione. Ma poiché l’impegno quotidiano principale sono i social e i “festini” per distrarre la Comunità dai veri problemi mai affrontati, i Dis-Amministratori hanno presentato una richiesta di finanziamento per… costruire nuovi alloggi, da affidare alle cooperative (impegni assunti in campagna elettorale?), su di un terreno privato in Via Campo Sportivo (altri impegni?) che urbanisticamente non è idoneo per realizzare nuove residenze. Il risultato? La nostra Città è stata esclusa dai finanziamenti! Un grave danno per le famiglie residenti negli alloggi di edilizia popolare che rende ancora più povera la nostra Città!

I sottoscritti consiglieri comunali Luigi Lupone e Giovanni Romano, nella qualità di componenti della Commissione Urbanistica, informano che non parteciperanno alla riunione della Commissione convocata per quest’oggi alle 18.00 per i seguenti, sintetici, motivi. In primo luogo l’argomento viene portato all’attenzione della Commissione al termine di una procedura amministrativa per la quale la Commissione non è mai stata consultata. Il progetto definitivo riguardante Piazza XX settembre non solo è stato già approvato, ma è stata già espletata la gara per la redazione del progetto esecutivo e per la realizzazione dei lavori. L’intervento della Commissione si profila, pertanto, come sostanzialmente inutile rispetto a decisioni già assunte e procedure operative già in fase di ultimazione. A tal proposito si rileva che la prossima settimana sarà valutato nel merito, dalla sezione di Salerno TAR Campania, il ricorso presentato da una impresa partecipante alla gara già conclusa e aggiudicata per cui, prudentemente, sarebbe opportuno attendere l’esito del giudizio. Stante la complessità del progetto e dell’intervento, abbiamo bisogno di ricevere preventivamente la necessaria documentazione per poterla analizzare. Tale documentazione non ci è stata inviata in allegato alla convocazione. Infine, si coglie l’occasione per evidenziare, ancora una volta, che resta in attesa di definizione la questione relativa al ruolo e alle prerogative delle Commissioni Consiliari sollevata dai Consiglieri Comunali di maggioranza allorquando decisero di non partecipare alle ultime sedute della Commissione Cultura basandosi sull’assunto “assurdo” che la stessa potesse essere convocata solo su istanza della Giunta o del Sindaco. Da allora siamo ancora in attesa che la maggioranza si attivi per dirimere, in un sano e propositivo contraddittorio, la controversia e chiarire il quadro normativo e regolamentare cui fanno riferimento le Commissioni Consiliari. Luigi Lupone Giovanni Romano

VITA DA CANI… A settembre dello scorso anno la Dis-amministrazione propagandò in pompa magna l’accordo di collaborazione con l’ASL per l’attivazione del canile comunale. Dichiararono che il nostro canile sarebbe diventato in poco tempo nientemeno che “un polo sanitario per gli amici a quattro zampe”. Seguirono i soliti post sui social (con i relativi like e commenti entusiastici sulla “grandezza” della Dis-amministrazione), gli articoli sui giornali e le foto commemorative dell’evento con i dis-amministratori e i politici regionali in bella mostra. Sono trascorsi QUATTRO MESI e le condizioni del nostro canile sono quelle che vedete nelle foto. Si commentano da sole: abbandono, incuria e degrado! Il “metodo” è sempre lo stesso: si annunciano le iniziative e le cose da fare solo per la propaganda e per i “mi piace”. Tanto i cittadini dimenticano in fretta! Che pena…

Abbiamo appreso ieri che l’impianto di riscaldamento della nuova scuola di Piazza del Galdo non è attivo. Sembra che non abbia mai funzionato. Sembra che occorrono 45 giorni per attivarlo. Nel frattempo la Dis-amministrazione dovrà escogitare una soluzione provvisoria per evitare che scolari e alunni debbano stare in aule fredde. Non si sa chi debba pagare queste eventuali spese. La scuola fu “aperta” in tutta fretta il 13 settembre quasi per “rispondere” all’opposizione che aveva denunciato gli enormi ritardi nel completamento dei lavori che sarebbero dovuti terminare ad aprile del 2022. Quando inaugurata (sempre con la solita grancassa propagandistica e social) chiedemmo i certificati di collaudo dell’immobile, degli impianti e del sistema antincendio. A distanza di mesi ottenemmo risposte parziali (stiamo ancora in attesa di quelle definitive), ma fu assicurato che … era tutto a posto! Ci inviarono anche il certificato di agibilità che dovrebbe attestare anche il funzionamento dell’impianto di riscaldamento. E perché adesso si “scopre” che non funziona? Quando, da chi e, soprattutto come è stato collaudato? A chi pensano di addossare (come sono abituati a fare) la responsabilità di questo ennesimo fallimento?

Error in giovanniromano.movimentocivico account. API error: Application does not have permission for this action

Share
INVIA
1
CONTATTACI
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?