Caricamento Eventi

« Almanacco

OH CHE BEL (VIRTUALE) CASTELLO! LA PROPAGANDA PER NASCONDERE DISASTRI E INCAPACITA’!

5 Marzo 2023

La propaganda “social” della Dis-Amministrazione cittadina ci ha ricordato che nella nostra Città abbiamo la “seconda fortificazione più grande d’Italia” informandoci che il nostro Castello è “pronto ad approdare sull’Atlante Digitale della Campania”.

La tattica è sempre la stessa: distrarre la nostra Comunità con la realtà “virtuale” per nascondere la verità dei fatti.

Hanno sprecato SEI ANNI e non stati capaci di completare la valorizzazione del Castello avviata venticinque anni fa con la sua acquisizione al patrimonio pubblico e l’istituzione del Parco Archeologico.

Oltre tre milioni di euro furono lasciati in “eredità” da “quelli di prima” per completare il restauro conservativo del Castello sulla Collina del Palco, per attivare il Museo Medievale nel Convento di S.Antonio e per gli scavi archeologici di S.Marco a Rota.

I lavori di restauro della “seconda fortificazione più grande d’Italia” sulla Collina si sarebbero dovuti concludere nel settembre del 2020.

Ad oggi sono stati accumulati oltre 800 giorni di ritardo, ci sono penali da addebitare all’impresa appaltatrice per 2.000.000 di euro e l’area del Castello è ridotta ad un cantiere abbandonato aggredito dalla vegetazione e dai rifiuti.

Gli scavi archeologici e i lavori di restauro di S.Marco a Rota si sarebbero dovuti concludere nel dicembre del 2020.

Ad oggi… NON SONO NEPPURE INIZIATI!

Però in questi sei anni sono state organizzate “escursioni” e picnic (con relativo abbandono di monnezza!), sfilate in costume e improbabili manifestazioni “storiche” utili solo a finanziare le associazioni degli “amici” della Di-Amministrazione.

Che adesso utilizza la propaganda “virtuale” per nascondere l’evidente incapacità e la decisione di realizzare un ulteriore scempio a danno del nostro Castello.

Vogliono sventrare la Collina per realizzare una ferrovia con un trenino (lo hanno chiamato ascensore inclinato) che, stando agli elaborati progettuali (siamo riusciti a vederli dopo tre mesi di solleciti!) interesserà aree storicamente e paesaggisticamente vincolate arrivando ad interessare addirittura la cinta muraria del Castello.

Un intervento devastante i cui effetti negativi sono stati dettagliatamente denunciati dal Presidente della sezione cittadina di Italia Nostra.

Ci opporremo al progetto con fermezza sia in sede locale che nazionale interessando il competente Ministero.

Anche perché, come già anticipato in campagna elettorale, sembra che il “trenino” sia collegato al progetto di adeguamento di Via Emilio Coppola per consentire a vecchi e nuovi proprietari di terreni nelle zone interessate di “sviluppare” future attività economiche di “accoglienza”.

E poco importa se, per consentire qualche speculazione, si colpisce l’integrità storica del Castello violando le leggi che lo salvaguardano e ne tutelano scientificamente la corretta conservazione.

I fatti (veri e non virtuali) parlano chiaro: non sono adeguati ad amministrare la nostra Comunità e a costruire il nostro futuro!

Dettagli

Data:
5 Marzo 2023
Share
INVIA
1
CONTATTACI
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?