Giovanni Romano : “Sequestro depuratore, fallimento vertici Regionali”.

Giovanni Romano, dopo la notizia del sequestro da parte della Magistratura dell’impianto di Depurazione della località Costa di Mercato S. Severino, chiama in causa i vertici della Regione Campania. “Si tratta di un sequestro annunciato.
Nelle scorse settimane era parso chiaro a tutti, e soprattutto ai residenti, che l’impianto funzionava male perché le emissioni maleodoranti erano aumentate.
A questo va aggiunta la assoluta mancanza di controlli sul territorio circa gli scarichi delle attività produttive e gli scarichi dell’impianto di Solofra che, è bene ricordarlo, costituisce un unicum con quello di Mercato S.Severino.
Le Autorità Giudiziarie avevano ordinato lo scorso mese di giugno alcuni interventi che non sono stati realizzati e questo ha portato al sequestro.
È evidente la responsabilità dell’Ente proprietario del depuratore, cioè la Regione Campania che avrebbe dovuto garantire i costi degli interventi.
L’impresa che gestisce lamenta, invece, ritardi nei pagamenti anche delle spettanze ordinarie.
L’intero ciclo integrato delle acque è caratterizzato da una gestione regionale approssimativa e non corretta.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share
INVIA
1
CONTATTACI
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?